Costa: “Se nessuno viola contratto, governo durera’” Il ministro ospite di ‘AdnKronos Live’


(AdnKronos) – “Se nessuno viola il contratto, durera’ tutta legislatura e oltre”. E’ quanto dice il ministro dell’Ambiente Sergio Costa, ospite di ‘AdnKronos Live’, parlando del governo guidato da Conte. In studio, moltissimi i temi affrontati dal ministro: dal problema dei rifiuti di Roma, per il quale “non c’e’ emergenza all’orizzonte”, passando alle trivelle, fino alla Tav per la quale, ricorda il ministro, bisogna aspettare “prima l’analisi costi-benefici”.

RIFIUTI ROMA – La questione dei rifiuti nella Capitale “non e’ un’emergenza”, un rischio “che non si affaccia all’orizzonte di Roma, ne’ della Regione Lazio”, anche per motivi amministrativi, sottolinea Costa, perche’ “l’emergenza va definita con atti amministrativi e nel caso di specie non e’ mai stata sollevata una vicenda giuridico amministrativo di emergenza”.Per il ministro dell’Ambiente, “la novita’ e’ che Regione e Comune sono allo stesso tavolo. Le cose si stanno muovendo: il piano regionale dei rifiuti e’ prossimo a uscire, la Citta’ metropolitana ha individuato le ‘aree bianche’ dove e’ possibile fare determinati impianti e adesso, nell’ambito del piano regionale della regione, verranno individuate le tipologie di trattamento da fare. Il percorso si sta definendo e non e’ poco”.DIFFERENZIATA – “Roma ha bisogno di fare una bella differenziata – aggiunge -, cosa finora sconosciuta alla citta’ e che ora invece e’ partita. Sono stati consegnati quasi 200mila kit ed e’ una novita’ importante, e’ l’inizio di un percorso per arrivare alla vera soluzione che e’ la differenziata spinta”. “Poi – aggiunge Costa – che ci sia necessita’ di nuovi impianti e’ evidente. Il discorso e’ collegato al piano regionale dei rifiuti, le aree bianche sono state individuate dalla citta’ metropolitana e adesso, nell’ambito del piano regionale di rifiuti, verranno individuate le tipologie di trattamento da fare. Per esempio, gli impianti di compostaggio – prosegue – l’umido e’ uno degli elementi importanti della raccolta differenziata ma anche della produzione di rifiuti” e puo’ contribuire “a ridurre la termovalorizzazione fino ad annullarla”.

TAV – Poi, alla domanda su una sua valutazione sull’impatto ambientale della Tav, Costa dice: “Imbarazzante come risposta, perche’ e’ antipatico che un ministro che nomina una commissione autonoma, che deve rimanere autonoma, possa dire cosa ne pensa”. “Qualsiasi cosa io possa dire – aggiunge – incido sulle valutazioni della commissione e da ministro e generale dell’Arma non e’ il mio stile. Voglio che loro lavorino sereni, completamente liberi dalla politica”.

(Adnkronos)

Please follow and like us: