Calderone: “Per consulenti del lavoro 40 anni guardando al futuro”

Roma, 11 gen. (Labitalia) – “Oggi festeggiamo 40 anni: qui c’e’ chi ha combattuto tanto per avere quella legge, chi come ministro del Lavoro l’ha firmata, ci sono quelli che mi hanno preceduto come presidenti. Noi abbiamo certamente le nostre radici ben piantate nella storia, ma con uno sguardo rivolto al futuro, alla ricerca di qualcosa di nuovo, per aumentare il livello delle competenze e il senso di responsabilita’ dei consulenti del lavoro”. Lo ha detto Marina Calderone, presidente del Consiglio nazionale dell’Ordine dei consulenti del lavoro, dal palco degli Stati generali dei consulenti del lavoro in corso a Roma, in occasione dei 40 anni dalla legge istitutiva dell’ordine professionale del 1979.

Secondo Calderone, “i consulenti del lavoro la missione sociale ce l’hanno nel nome: la nostra funzione e’ promuovere lavoro etico, regolare, dignitoso delle persone. Quel lavoro sul quale si costruisce la fortuna e l’economia dei territori”. Oggi i consulenti del lavoro, ha sottolineato Calderone, “non sono piu’ quelli del 1979 o perlomeno non sono piu’ solo quello”. “Altre competenze si sono sommate, ma le nostre radici sono piantate li’ e da li’ siamo partiti per costruire tutte le competenze che abbiamo creato negli anni. Nessuno ci ha regalato niente, ci sono stati nemici che ci hanno ostacolato in questo percorso”, ha concluso.

“Oggi seguiamo un milione e mezzo di imprese, abbiamo in delega otto milioni di rapporti di lavoro. Quando ho iniziato questo ruolo, mai avrei pensato di stare qui a festeggiare i 40 anni della professione, la speranza era di scrivere un capitolo della nostra storia e agevolare il futuro”, ha ricordato.

La presidente Calderone nelle parole del premier Conte, intervenuto dal palco degli Stati generali, ha visto “risposte importanti: progetti ambiziosi che necessitano dei contributi dei professionisti”. “Apprezzo la sollecitazione a individuare percorsi di riforma e semplificazione. I professionisti sono per la semplificazione”, ha sottolineato.

Secondo Calderone, per lo sviluppo del Paese, gli “investimenti in infrastrutture sono assolutamente indispensabile perche’ questo e’ un Paese che ha dovuto affrontare tante catastrofi, e noi professionisti abbiamo dovuto affrontare tante difficolta’ nella nostra attivita’ nel momento in cui noi stessi eravamo stato colpiti, e ci siamo rimboccati le maniche, ricostruendo i nostri studi e aiutando aziende che assistiamo a rimettersi in piedi nel piu’ breve tempo possibile”. In conclusione, per Calderone, “i consulenti del lavoro sono a disposizione del lavoro, dell’Italia, delle istituzioni, del lavoro che crea altro lavoro, siamo contro i furbetti che cercano di desertificare il mondo del lavoro non stando alle regole”.

Calderone ha poi fatto riferimento alle dichiarazinoi del premier Conte: “Nell’ambito della riforma della crisi d’impresa, il presidente Conte ha fugato ogni recondita paura in termini di massima trasparenza. Il governo ha ritenuto di inserirci nella lista di curatori e non lo ha fatto per fare un regalo ma riconoscendo competenze maturate nel corso degli anni”. E lo ha ringraziato. “E’ la prima volta che un premier viene a trovarci, e’ la prima volta che un premier ‘professionista’ ci dedica un’attenzione particolare, dicendo di conoscerci da tempo e raccontando quanto attraverso la sua attivita’ scientifica abbia potuto apprezzare il mondo complesso dei consulenti del lavoro”.

(Adnkronos)

Be the first to comment on "Calderone: “Per consulenti del lavoro 40 anni guardando al futuro”"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


diciotto + 11 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.