Veneto: forum eurasiatico, rallenta export in russia (3)

(AdnKronos) – “Sul fronte delle province, e Vicenza a guadagnarsi il primato con 203 milioni di euro (-4,3% a/a), seguita da Treviso (156 milioni di euro, +3,4%) e Verona, che con 155 milioni di euro di export e quasi 95 milioni di import si posiziona invece in testa alla classifica regionale per interscambio con l’Unione (249,3 milioni di euro il dato del semestre scaligero e oltre 1 miliardo di euro quello regionale). A sostenere la buona performance dell’export scaligero (+4,9% a/a) i macchinari e apparecchi (53,3 milioni di euro, +8%, in controtendenza con il dato regionale) e il tessile (46,3 milioni di euro, +38%)”, sottolinea.

La contrazione dell’export verso i 5 Paesi dell’Unione economica eurasiatica, dovuta principalmente alla riduzione degli acquisti da Mosca, si registra in maniera ancor piu evidente a livello nazionale, con l’export made in Italy che chiude il primo semestre dell’anno in flessione dell’1,1% (a/a), a quota 4,2 miliardi di euro, a fronte di un aumento delle importazioni del 6,5% (a/a, a 7,8 miliardi di euro). Nel 2017 il Belpaese aveva scambiato beni con l’Unione per circa 23 miliardi di euro (+14% sul 2016); le esportazioni (9,1 miliardi) avevano segnato una ripresa del 15,1%, mentre le importazioni (13,8 miliardi di euro) erano cresciute del 12,8%.

(Adnkronos)