“Comprendere x Cambiare”: cosi’ il digitale trasforma i servizi (e l’industria). Assindustria Venetocentro ne discute co…

Sala Stampa
Visualizza i Comunicati Stampa per
Ricerca avanzata

Comunicato Stampa

    Appuntamento sabato 13 ottobre all’Auditorium di Piazza Istituzioni in Treviso
    “COMPRENDEREXCAMBIARE”: SERVIZI, UN MONDO CHE
    IL DIGITALE STA CAMBIANDO (E INVESTE ANCHE L’INDUSTRIA).
    ASSINDUSTRIA VENETOCENTRO NE DISCUTE CON LA PRESENZA DEL PRESIDENTE MASSIMO FINCO E DEL VICEPRESIDENTE CLAUDIO FELTRIN

    (Treviso-Padova – 11.10.2018) – I ‘servizi’, mondo in evoluzione e in espansione su impulso del digitale. Se ne parla nel nuovo appuntamento, sabato 13 ottobre, alle ore 10 all’Auditorium di Piazza Istituzioni in Treviso, di ComprenderexCambiare il ciclo di alta formazione ideato e organizzato da Assindustria Venetocentro. “Si fa presto a dire ‘servizi’, ma chi in azienda è capace di pensarli e progettarli?”, è il titolo dell’incontro.

    Un evento aperto alla cittadinanza, che vedrà intervenire, incalzati da Alessandro Garofalo, Francesco Benazzi, Direttore Generale Aulss 2 Marca Trevigiana, Andrea Pivetta Pwc’s Experience Center Manager, Fulvio Matteoni, Presidente e Amministratore Delegato Decathlon Italia, Alessandro Adamo Lombardini 22, Cristina Gallina di Barilla Group e Alfonso Fuggetta, Ceo di Cefriel Politecnico di Milano.
    Aprirà i lavori il Presidente di Assindustria Venetocentro, Massimo Finco mentre le conclusioni saranno di Claudio Feltrin, Vicepresidente di Assindustria Venetocentro delegato alla Cultura d’impresa.

    Un mondo, i servizi, profondamente investito dalla trasformazione digitale (internet delle cose, connettività individuale, Big-Data). «È un processo che coinvolge in pieno anche la manifattura – dichiara Claudio Feltrin -: dalla manutenzione predittiva di un impianto alla gestione del magazzino di componenti per conto di un proprio cliente, dalla connessione diretta con l’utilizzatore al miglioramento delle performance dell’utente, dall’ottimizzazione funzionale agli aggiornamenti». Ad esempio, l’ufficio tecnico, che fino a ieri mescolava nozioni di ingegneria, conoscenza dei materiali, competenza delle tecnologie di produzione e richieste dei clienti, oggi deve essere affiancato da una nuova competenza capace di misurarsi con l’impiego dei dati, con la connettività, con la cultura gestionale, con la conoscenza del mercato e delle esperienze del cliente. Nascono perciò nuove figure professionali: se il perito tecnico di ieri progettava prodotti e macchine, quello di oggi progetta servizi che risolvono problemi e creano valore.
    «Tutto ciò vuol dire predisporre inediti sistemi di relazione tra soggetti diversi – spiega Feltrin – ampliando lo spazio di interazione attraverso nuove modalità che mettano in relazione l’esperienza di chi usa il servizio con operazioni di gestione dell’azienda che lo eroga. Occorre essere pronti per questa nuova sfida».

    LA STAMPA E’ INVITATA A PARTECIPARE

    _______________
    Per informazioni:

    Comunicazione e Relazioni con la Stampa
    Leonardo Canal – Tel. 0422 294253 – 335 1360291 – [email protected]
    Sandro Sanseverinati – Tel. 049 8227112 – 348 3403738 – [email protected]
    Paola Giannachi – Tel. 049 8227144 – [email protected]

(Confindustria Padova)