Brexit e lavoro, cosa cambia per i cittadini Ue

Londra, 25 set. (AdnKronos) – Niente piu’ corsie preferenziali per i cittadini Ue e per i visti priorita’ ai lavoratori qualificati. Saranno questi i pilastri della nuova politica per l’immigrazione che verra’ adottata da Londra, quando il Regno Unito avra’ lasciato definitivamente l’Unione europea. E’ quanto ha deciso il governo britannico, accogliendo le indicazioni del Migration Advisory Committee (Mac), la commissione indipendente istituita per consigliare il governo sulle politiche migratorie da seguire dopo la Brexit.

Il governo ha deciso all’unanimita’ di costruire un sistema basato sulle qualifiche, invece che sulla nazionalita’, ha riferito una fonte di Downing Street alla Bbc. Tuttavia, un’altra fonte riferisce che nello scenario post Brexit per i cittadini Ue potrebbero essere decise regole piu’ “morbide” per l’immigrazione, in funzione dell’accordo commerciale che Londra siglera’ con l’Unione europea.

I dettagli della nuova politica per l’immigrazione verranno illustrati da Theresa May al congresso dei Conservatori della prossima settimana. La premier, scrive la stampa britannica, spera cosi’ di placare gli animi dell’ala euroscettica dei Tories, molto critica sulla gestione del negoziato con la Ue per la Brexit, che la scorsa settimana sembra essersi nuovamente arenato, dopo che nel vertice europeo di Salisburgo e’ stato respinto il cosiddetto ‘Chequers Plan’ della May.

(Adnkronos)

Please follow and like us:

Be the first to comment on "Brexit e lavoro, cosa cambia per i cittadini Ue"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


17 − 13 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.