‘Scusati’, l’Africa contro Salvini

Roma, 19 set. (AdnKronos) – L’Africa vuole le scuse di Matteo Salvini. L’Unione Africana (Ua) si e’ sentita offesa dalle dichiarazioni del vicepremier durante l’intervento alla Conferenza di Vienna in cui “ha paragonato gli immigrati africani agli schiavi” e chiede al leader della Lega di ritirare quanto detto. Dal canto suo, Salvini, che gia’ nei giorni scorsi aveva chiarito il senso delle sue esternazioni, ha replicato: “Mi limitero’ a rimandare il comunicato di tre giorni fa, in cui ho smentito qualsiasi equiparazione tra immigrati e schiavi”.

“Anzi – aggiunge il ministro dell’Interno – le mie dichiarazioni e a Vienna erano esattamente in difesa dei profughi e degli immigrati che qualcuno qua in Europa usa come ‘schiavi’. Ho affermato che non c’e’ bisogno di importare nuovi schiavi – che e’ questa l’immigrazione di massa – in difesa dell’identita’, del diritto al lavoro, della salute di milioni di cittadini africani”.

“Non ho niente di cui scusarmi – tuona Salvini – anzi evidentemente c’e’ qualcuno che non e’ stato in grado di leggere o di ascoltare quello che c’era da leggere e ascoltare”. Al vicepremier “resta il dubbio” che e’ possibile “ci sia stato un difetto di traduzione in francese arrivato a questo organismo”.

(Adnkronos)