Aumentano i contribuenti ma anche chi non versa 1 euro


Roma, 18 set. (Adnkronos/Labitalia) – Su 60.589.445 cittadini italiani residenti al 31/12/2016, quelli che hanno presentato la dichiarazione dei redditi (contribuenti/dichiaranti) sono stati 40.872.080, in crescita (+101.803) rispetto all’anno precedente. Diminuiscono pero’ di 97.128 unita’ i contribuenti/versanti, vale a dire quelli che versano almeno 1 euro di Irpef (30.781.688 nel 2016). Sintetizzando, aumentano si’ i redditi e i dichiaranti, ma diminuiscono quanti versano almeno un euro di Irpef e l’ammontare totale dell’Irpef versata.

E’ quanto emerge dall’Approfondimento 2018 sulle ‘Dichiarazioni dei redditi ai fini Irpef 2016 per importi, tipologia di contribuenti e territori e analisi Irap’, realizzato dal Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali e sostenuto da Cida, Confederazione italiana dirigenti e alte professionalita’. Il rapporto e’ stato presentato al Cnel.

In particolare, dall’analisi delle due fasce di reddito piu’ basse (rispettivamente, fino a 7.500 euro e da 7.500 a 15.000 euro) emerge che i contribuenti che vi rientrano sono 18.357.865 (di cui 6 milioni circa di pensionati), vale a dire il 44,92% del totale che, nel complesso, contribuisce pagando solo il 2,82% di tutta l’Irpef.

Il valore risulta oltretutto in diminuzione rispetto al 2015: la differenza e’ del 3,13%, sempre al netto del bonus Renzi.

Nel dettaglio, i 9,89 milioni di contribuenti che dichiarano redditi fino a 7.500 euro, cui corrispondono 14,66 milioni di abitanti, pagano 41 euro l’anno di Irpef, che diventano 28 euro se si considera la media pro capite per abitante, e si puo’ quindi considerare completamente a carico degli altri contribuenti; gli 8,467 milioni che dichiarano da 7.500 a 15.000 euro lordi l’anno (cui corrispondono 12,55 milioni di abitanti), pagano invece un’Irpef media di 496 euro l’anno, che diventano 335 considerando il pro capite (sempre al netto del bonus).

(Adnkronos)