Con Seabin Fano e San Benedetto al top contro inquinamento mare


Fano (Pesaro Urbino), 14 set.(AdnKronos) – Con l’installazione nei porti di Fano e San Benedetto dei dispositivi Seabin per la raccolta delle plastiche in mare la regione Marche si pone all’avanguardia nella lotta all’inquinamento marino. A rivendicarlo, l’assessore all’Ambiente della Regione Marche, Angelo Sciapichetti durante la conferenza stampa di presentazione del progetto #PlasticLess oggi a Fano.

‘La plastica in mare -ha detto- e’ un problema che si sta rivelando sempre piu’ insidioso: per questo la Regione Marche, lo scorso agosto, seguendo la netta presa di posizione dell’Unione Europea sul tema, si e’ dotata di una legge diretta al suo contrasto. Incentiviamo la raccolta dei rifiuti nei porti e preveniamo la dispersione in mare, puntando su nuove tecnologie e tecniche di pesca piu’ sostenibili – .

Soddisfazione e’ stata espressa anche dal sindaco di Fano Massimo Seri: ‘Sono particolarmente orgoglioso che sia stato proprio il nostro Marina dei Cesari ad ospitare il dispositivo Seabin, con l’auspicio che questo sia solo un primo prezioso tassello di un piu’ ampio percorso di consapevolezza ecologica nel mare – . Intanto, sempre compresi nel progetto #PlasticLess e organizzati da Whirlpool Emea per contribuire a consolidare le pratiche di sensibilizzazione ambientale soprattutto verso i piu’ piccoli, si sono svolti, parallelamente alla presentazione dell’iniziativa, alcuni laboratori didattici e attivita’ educative per bambini a cura del Centro di Educazione Ambientale – CEA ‘Ambiente e Mare – . Attraverso il gioco, insomma, crescono nuove generazioni piu’ attente all’uso corretto della plastica e al suo smaltimento.

(Adnkronos)