lavori di manutenzione sugli autovelox in tangenziale

In seguito all’entrata in vigore, nell’estate 2017, di un decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, tutti gli apparecchi di misurazione della velocita’ da remoto debbono necessariamente essere sottoposti a verifica della funzionalita’ con cadenza annuale. Si tratta di fatto di una sorta di revisione tecnica, operata da un soggetto esterno qualificato unitamente all’organo di polizia stradale, dei requisiti previsti dalla normativa per il corretto e legittimo funzionamento, a tutela della sicurezza stradale e dei diritti dell’utente della strada.

Negli ultimi mesi, sulla base delle diverse scadenze di taratura, gli 8 apparecchi di piu’ vecchia installazione sono stati sottoposti a ripetute verifiche di funzionalita’, al fine di accertare se rientrassero nei nuovi piu’ stringenti parametri della normativa nazionale.
Nonostante l’impegno profuso dal personale tecnico intervenuto, nessun apparecchio e’ risultato idoneo all’utilizzo secondo i requisiti attualmente previsti. Pertanto, come da previsione del decreto, non e’ piu’ stato possibile l’utilizzo la strumentazione, in quanto non vi sarebbero state le dovute garanzie di legittimita’ della verbalizzazione nei confronti degli eventuali trasgressori.

In ragione di cio’ , al fine di garantire la continuita’ nell’azione preventiva a tutela della sicurezza stradale, e’ stata attivato un piano di manutenzione evolutiva degli apparati che prevede la progressiva sostituzione del solo “corpo lettura” degli impianti, che, entro il mese di settembre, saranno integralmente ripristinati.
In questi giorni si sta gia’ effettuando il ripristino dei primi 3 dispositivi.
L’intervento prevede la conservazione di tutte le infrastrutture esistenti e del le relative connessioni.
Tutti gli accertamenti effettuati prima della disattivazione dei dispositivi sono pienamente legittimi, in quanto rilevati nel rispetto della normativa di riferimento.

La Polizia Locale precisa che l’intera gestione delle fasi di accertamento, analogamente a quanto avviene per la zona a traffico limitato e per i dispositivi di rilevamento del passaggio con rosso semaforico, e’ in capo a personale interno con qualifica di polizia stradale, a disposizione della cittadinanza per ogni informazione.
I cittadini possono consultare anche la pagina web dedicata nel portale www.polizialocalepadova.it.

Di seguito l’elenco dei velox interessati:

1A – Corso Kennedy km 6+246, direzione Pd Est
7B – Corso Australia – SR 47 Km 1+264, direzione Ovest
2B – Corso Kennedy km 6+686, direzione Pd Sud
5A – Corso Boston km SR 47 Km 8+350, direzione Pd Sud
4B – Corso Australia km 3+400, direzione Pd Ovest
4A – Corso Boston – SR47 Km 7+400, direzione Sud
1B – Corso Kennedy km 5+248, direzione Pd Sud
6B – Corso Australia – SR 47 Km 1+264, direzione Ovest

Si precisa che il dispositivo 1A e’ gia’ stato ripristinato ed e’ operativo dal 3 luglio 2018.
Dal 25 maggio 2018 gli altri apparecchi sono spenti.
Entro i primi giorni di agosto ne verranno ripristinati 2 ed entro la fine dello stesso mese un quarto.
La conclusione della manutenzione evolutiva e’ prevista entro il mese di settembre.
Il Comando dara’ tempestiva informazione alla cittadinanza del progressivo ripristino dei dispositivi.
Lungo l’anello tangenziali sono regolarmente in funzione 5 dispositivi per il rilevamento della velocita’ da remoto.
(Tratto da: http://www.padovanet.it)

(Leggi tutta la notizia sul portale http://www.padovanet.it – rete civica del Comune di Padova)
http://www.padovanet.it/notizia/20180726/comunicato-stampa-lavori-di-manutenzione-sugli-autovelox-tangenziale