Nomisma, crescono compravendite di case, si attenua discesa prezzi

Padova, 11 lug. (AdnKronos) – I segnali incoraggianti che provengono dalla crescita del reddito medio per contribuente che si attesta intorno ai 27.734 euro (in crescita di circa l’1% rispetto all’anno precedente) e dal tasso di occupazione del 63,3% spiegano in parte i segnali di recupero del mercato immobiliare residenziale osservati nel corso del 2017 – e quanto emerge dall’analisi del 2 osservatorio immobiliare di Nomisma 2018.

Il comparto residenziale. I primi mesi del 2018 confermano il trend di crescita delle compravendite pari a +9% tra il primo trimestre 2018 e il primo trimestre 2017. La crescita dell’attivita transattiva continua a essere supportata dal ridimensionamento dei valori di mercato delle abitazioni, sia nuove sia usate (rispettivamente -2,4% e -1,9% su base annua). Diminuiscono i tempi medi per perfezionare una trattativa di vendita che si attestano intorno agli 8 mesi per le abitazioni usate. Lo sconto applicato in fase di trattativa si sta stabilizzando intorno al 14%. Il segmento della locazione e percepito come stabile, con un’offerta che si sta calmierando a fronte di una domanda piuttosto dinamica. L’andamento positivo dei contratti si riflette su un’ulteriore riduzione dei tempi di locazione (circa 3 mesi), accompagnata pero da una flessione piuttosto marcata dei canoni medi (-1,7% su base annua).

Le previsioni degli operatori per il secondo semestre 2018 confermano le aspettative di crescita del comparto residenziale, sia sul fronte transattivo sia locativo. Tali dinamiche stentano pero a tradursi in una ripresa generalizzata dei valori di mercato e dei canoni.

(Adnkronos)