Porti: nasce a marsiglia l’associazione medports (2)

(AdnKronos) – ‘Il Mediterraneo – dichiara il presidente dell’Autorita di Sistema Portuale del Mare Adriatico Settentrionale, Pino Musolino – sta tornando al centro della Storia grazie ai profondi mutamenti geopolitici in corso che determinano una riconfigurazione delle rotte commerciali a livello globale. I porti dell’Europa meridionale e dell’Africa settentrionale – continua Musolino – sono in prima linea ad affrontare il cambiamento e rappresentano oggi il punto di contatto privilegiato con l’Asia. La Cina, attraverso la Belt Road Initiative, persegue una strategia precisa per raggiungere i nostri mercati dando sfogo al proprio surplus manifatturiero. Sta a noi decidere se subire passivamente le scelte della potenza cinese, o se sfruttarle per arricchire e consolidare le nostre economie”.

“Affinche il Mediterraneo si ritagli un ruolo da protagonista nel nuovo scenario, occorre, pero, che gli attori in gioco collaborino maggiormente per definire un piano di sviluppo infrastrutturale comune, coerente e sostenibile. A livello di risorse, l’Europa si appresta ad aggiornare il programma Connecting Europe Facility, che stanziera oltre 30 mld di euro per lo sviluppo infrastrutturale della rete TEN-T dal 2021 al 2027. Ci auguriamo che la suddivisione delle risorse riconosca lo spostamento in corso verso sud del baricentro economico-commerciale Europa-mondo, diversamente da quanto e avvenuto per la prima tranche di finanziamenti stanziata nel periodo 2014-2020. Per tutti questi motivi, – conclude il presidente dell’AdSP del Mar Adriatico Settentrionale – il gruppo di lavoro riunito nel contesto dell’Associazione MEDPorts avra un ruolo fondamentale nel coordinare l’attivita dei vari soggetti in causa e nel tracciare una rotta che definira il futuro del Mediterraneo ‘.

“La creazione di Medports – dichiara il Presidente dell’Autorita di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale, Francesco Maria di Majo – che apre anche ai porti della sponda a Sud del Mediterraneo, permettera agli scali di Roma e del Lazio di coordinare con i partners competenze e professionalita in cui il sistema della portualita e dello shipping italiano e sicuramente all’avanguardia, come nel caso della gestione del traffico passeggeri e delle crociere, della gestione ecosostenibile dei porti, della security e dello sviluppo della pianificazione ambientale ed energetica nei porti ‘.

(Adnkronos)