Smog: assessore veneto, su emissioni meno slogan e piu interventi

Venezia, 27 giu. (AdnKronos) – “Per abbattere drasticamente le emissioni in atmosfera bisogna puntare ad un accordo tra Unione Europea, Governo, Regioni e Comuni e poter contare su risorse adeguate. Servono a poco le giornate di blocco del traffico se non ci sono incentivi per sostituire le auto inquinanti. Gli interventi per mettersi a posto la coscienza trovano il tempo che trovano”. Lo ha detto l’assessore allo Sviluppo economico e all’energia della Regione del Veneto Roberto Marcato, intervenendo alla tavola rotonda sul tema “La qualita dell’aria e i diritti dei cittadini” nell’ambito dell’assemblea annuale 2018 dell’Unione Petrolifera che si e tenuta oggi a Roma a Palazzo della Cancelleria.

Nel corso del dibattito, introdotto dal presidente dell’Unione Petrolifera Claudio Spinaci, Marcato ha sottolineato che il Veneto ha messo in campo un robusto piano di lotta all’inquinamento atmosferico. Il piano aria del Veneto ha fatto da modello per l’accordo per il bacino padano, siglato con il Ministero dell’ambiente per rendere omogenee le azioni di lotta allo smog e che coinvolge anche le Regioni Piemonte, Lombardia ed Emilia Romagna.

Il Veneto ha approvato l’anno scorso il primo piano industriale con ingenti investimenti per le imprese per fare ricerca e innovazione e sono stati aperti bandi per l’efficientamento energetico e la riduzione delle emissioni delle PMI con una dotazione finanziaria di 24 milioni di euro. Altre azioni hanno riguardato l’efficientamento energetico degli edifici pubblici con una dotazione di 45 milioni di euro dei fondi POR FESR 2014-2020.

(Adnkronos)