Mattarella: ‘Solidarieta’ e’ nel Dna degli italiani’

Roma, 26 giu. (AdnKronos) – “Qui si respira solidarieta’ e questo e’ un patrimonio del nostro popolo. Nel Dna degli italiani vi e’ la solidarieta’. La nostra cultura, la nostra storia, la bellezza del nostro Paese non sarebbero cosi’ grandi, ne’ cosi’ apprezzate nel mondo senza il valore della solidarieta’”. Lo ha dichiarato il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un passaggio del discorso pronunciato alla Comunita’ di San Patrignano, in occasione del 40 anniversario dalla fondazione.

“San Patrignano – ha aggiunto il presidente – con i suoi risultati, con tutta la sua storia e’ una prova che la vita di comunita’, quando mette al centro la dignita’ di ogni persona, unica, non ripetibile, mai eguale a nessun altro, e mette al centro il diritto di ognuno a diventare artefice del proprio futuro, e’ capace di sconfiggere l’egoismo, l’indifferenza, la paura, la solitudine”.

“Il tessuto solidale in un Paese e, al suo interno, di ciascuna comunita’, e’ un bene comune prezioso, e questo va sempre considerato, a partire da chi ha responsabilita’ pubbliche”.

“Qualche volta, di fronte alle difficolta’ della vita, della convivenza, a mutamenti cosi’ tumultuosi, grandi, profondi, del nostro tempo, si rischia di pensare – ha detto ancora Mattarella – che chiudersi in se stessi, scivolare nella solitudine, possa essere addirittura un rifugio. Questo e’ un pensiero debole e triste”.

“Le preoccupazioni vanno comprese. Nessuno ha il diritto di ignorarle. Ma non ci si puo’ arrendere alla paura. La vostra esperienza di solidarieta’, e altre analoghe alla vostra, dimostrano che si puo’ vincere l’individualismo, l’egoismo, l’apatia, la solitudine, per coltivare invece una fiducia che ricostruisce rapporti e rafforza ciascuno. Per questo le vostre attivita’ sono un segno e una testimonianza di unita’”, ha sottolineato il presidente della Repubblica.

In un passaggio del suo discorso Mattarella ha poi rimarcato che chi ricopre incarichi politici ha il compito e la responsabilita’ di salvaguardare l’unita’. “Il compito principale del Presidente della Repubblica – ha evidenziato – come dice la nostra Costituzione, e’ rappresentare l’unita’ dell’Italia. Unita’ non e’ soltanto nel senso territoriale del nostro Paese, e’ anche l’unita’ di vita del nostro Paese, la sua coesione, il suo modo di sentire tutti i cittadini legati da un destino comune: questa e’ l’unita’ vera del Paese, l’aspetto che indica costantemente, in tutto il suo tessuto, la nostra Costituzione”.

“Rafforzare l’unita’ del nostro Paese, della sua societa’, delle sue persone nella vita in comune e’ un compito che riguarda ciascuno di noi. Certo, riguarda anzitutto chi ha responsabilita’ politiche, ma anche ciascuno di noi, nel costruire il tessuto relazionale che rende la vita gradevole, piu’ positiva e migliore per tutti”, ha concluso Mattarella.

(Adnkronos)