QUANDO L’INFORMAZIONE FA MALE ALLA SALUTE

Un convegno sul rapporto tra informazione e salute delle persone. Come evitare che le cattive o false informazioni nuocciano alla salute.

Si terrà venerdì 18 maggio 2018 dalle ore 16.30 alle ore 18.45 nella Sala Polivalente del Centro Servizi Bolis – Piazza De Clarini, 12 a Selvazzano Dentro (Padova) – il convegno gratuito e aperto alla cittadinanza “Quando l’informazione fa male alla salute” organizzato da AltaVita Istituzioni Riunite Di Assistenza – I.R.A.

Il programma del convegno prevede gli interventi, moderati da Valter Giantin presidente del comitato etico AltaVita IRA, di don Renzo Pegoraro cancelliere Pontificia Accademia per la Vita e vicepresidente comitato etico di AltaVita IRA su “La valenza etica del problema: tra informazione e deformazione della notizia”; di Paula De Waal esperta di formazione e  apprendimento in rete presso la Fondazione Scuola di Sanità  Pubblica su “Informarsi con cautela: dalla rete alla nuvola”; di Vincenzo Malatesta medico di medicina generale Azienda Ulss 6 Euganea su “La visione sul campo dal punto della medicina territoriale”; di Francesco Jori giornalista editorialista gruppo l’Espresso su “Strategie di manipolazione e criteri di difesa per una corretta informazione sulla salute”.

Fake news in ambito sanitario sono le “notizie che fanno male alla salute”. L’evento proposto dal Comitato Etico AltaVita-Ira approfondirà l’impatto che questo tipo di informazione esercita sul campo più strategico della vita quotidiana: la salute delle persone. Troppe volte la diffusione di notizie poco o nulla verificate in materia, non di rado del tutto prive di fondamento, alimenta aspettative ingiustificate, crea o rafforza pratiche dannose, determina un clima di accuse o di sospetti che fanno il male soprattutto del paziente e dei suoi familiari.  Il convegno analizzerà i meccanismi attraverso i quali l’informazione diventa non solo disinformazione, ma anche deformazione, e proporrà alcune indicazioni operative per favorire un consumo critico delle notizie.

“Dopo il successo di Padova, abbiamo organizzato questa seconda edizione del convegno a Selvazzano per ricordare che l’anziano necessita di un rapporto umano attraverso una comunicazione costante e ripetuta, utile a riannodare i fili delle sue relazioni sociali e di contatto con il mondo esterno – osserva Fabio Incastrini presidente di AltaVita I.R.A. –  Per questo motivo nei nostri istituti adottiamo uno stile di comunicazione che valorizza le qualità umane e personali degli ospiti, che permette di costruire nuove modalità di relazione, anche con i propri familiari. Una corretta comunicazione e informazione sono fondamentali nel rapporto con gli anziani, per aiutarli ad affrontare le nuove esperienze che il periodo della vita che chiamiamo vecchiaia presenta, esperienze che non sono necessariamente negative, come generalmente si crede.”

L’iniziativa è patrocinata da Ulss 6 Euganea, Comune di Padova, Ordine degli Psicologi del Veneto, Ordine dei Giornalisti del Veneto, Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri di Padova, Collegio degli Infermieri Professionali, Assistenti Sanitari e Vigilatrici di Infanzia – Ipasvi e Azienda Ospedaliera Università di Padova.

L’evento è gratuito, la cittadinanza è invitata.

Be the first to comment on "QUANDO L’INFORMAZIONE FA MALE ALLA SALUTE"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


cinque × due =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.