Razza e Costituzione, se ne discute alla Bicocca

Milano, 14 mag. (AdnKronos) – La razza’, definizione ricorrente nella cultura popolare, associata all’Homo sapiens non ha giustificazioni biologiche: dalla comunita’ scientifica emerge la proposta di eliminare o sostituire il termine dall’Art. 3 della Costituzione della Repubblica italiana. A ottant’anni dall’approvazione delle leggi razziali fasciste, e’ opportuno interrogarsi sugli effetti della sua permanenza nella Carta costituzionale; ivi inserito per sottolineare il rifiuto categorico delle discriminazioni perpetrate dal regime fascista, quel vocabolo e’ ancora necessario oppure dovrebbe essere rimosso?

Il convegno ‘Razza – , previsto per giovedi’ 17 maggio presso l’Universita’ degli Studi di Milano-Bicocca, approfondira’ alcune posizioni di scienziati naturali, sociali e giuristi sull’argomento. “Nel momento in cui la scienza, ormai, ha provato che le razze umane non esistono… esistono dei razzismi crescenti che cercano, invece, di dividere l’umanita’”, ha dichiarato Pietro Greco, scrittore e giornalista scientifico della Fondazione Idis-Citta’ della Scienza di Napoli, che dirigera’ i lavori. “Ci si chiede se non sia il caso di sostituire la parola razza’ con un’altra locuzione, per esempio ‘senza discriminazioni in base alla provenienza geografica’”, ha concluso.

L’evento e’ organizzato da MaCSIS – Master in Comunicazione della Scienza e dell’Innovazione Sostenibile (http://macsis.unimib.it/) dell’Universita’ degli Studi di Milano-Bicocca col patrocinio di Siac – Societa’ Italiana di Antropologia Culturale (http://www.siacantropologia.it/) e la collaborazione di ‘Scienza in Rete – (http://www.scienzainrete.it/), web journal del Gruppo 2003 per la ricerca scientifica.

Aprira’ la giornata Giampaolo Nuvolati, Direttore del Dipartimento di Sociologia e Ricerca Sociale dell’Universita’ degli Studi di Miano-Bicocca, portando i saluti dell’ateneo. A seguire, l’intervento di Carmen Leccardi – professoressa ordinaria di sociologia della cultura e membro del Senato accademico dell’Universita’ degli Studi di Milano-Bicocca – che introdurra’ i contenuti del convegno. Maria Calloni, professoressa ordinaria di filosofia sociale e politica dell’Universita’ degli Studi di Milano-Bicocca, proporra’ un approfondimento sugli utilizzi linguistici di un termine tanto controverso con uno sguardo al panorama politico internazionale. Valerio Onida, Presidente Emerito della Corte Costituzionale e professore ordinario di diritto costituzionale dell’Universita’ degli Studi di Milano, parlera’ del rapporto fra razza’ e Costituzione da un punto di vista giuridico.

Dopo il coffee break, Simone Ghezzi – ricercatore e docente di antropologia sociale dell’Universita’ degli Studi di Milano-Bicocca e consigliere di Siac – Societa’ Italiana di Antropologia Culturale – interverra’ sull’ostinata sopravvivenza del vocabolo in un’ottica antropologica. Valeria Galimi, ricercatrice dell’Universita’ degli Studi di Milano, proporra’ una panoramica sulla concezione di razza’ durante il fascismo italiano e sulle conseguenze che l’idea del regime fascista ha avuto negli anni successivi al 1945.

Dopo il lunch break, Elisabetta Camussi – professoressa associata di psicologia sociale dell’Universita’ degli Studi di Milano-Bicocca – riprendera’ i lavori analizzando il problema del pregiudizio razziale. Federica da Milano, professoressa associata di glottologia e linguistica dell’Universita’ degli Studi di Milano-Bicocca, interverra’ sul ruolo assunto dalla parola razza’ nella letteratura, sotto il profilo linguistico e letterario. Carlo Alberto Redi, accademico dei Lincei e professore ordinario di zoologia dell’Universita’ degli Studi di Pavia, concludera’ il convegno sostenendo la necessita’ di rimuovere il termine dalla Costituzione a partire da considerazioni biologiche.

(Adnkronos)