Plastica nell’organico, Paesi Ue a confronto

Roma, 16 apr. (AdnKronos) – C’e’ plastica nella raccolta dell’umido. Il tema della crescente contaminazione da plastiche non compostabili, soprattutto nei grandi centri urbani, e’ stata affrontata nel Kasseler Abfall- und Ressourcenforum 2018, conferenza tedesca di waste management, giunta alla 30esima edizione (Kassel, 10-12 aprile 2018), in cui si sono confrontati i rappresentanti delle associazioni nazionali dei compostatori di Germania, Austria, Svizzera e Italia, i quattro Paesi europei con la piu’ lunga e radicata esperienza nel settore della raccolta della frazione organica in Europa.

Oltre ad illustrare il sistema italiano, il Cic-Consorzio Italiano Compostatori ha presentato i risultati delle 45 analisi effettuate su 27 impianti (15 di compostaggio, 12 di digestione anaerobica e compostaggio) nell’ambito del progetto ‘Di che plastica 6′, svolto in collaborazione con Assobioplastiche, Conai e Corepla, gia’ presentati a Milano lo scorso 9 ottobre.

I monitoraggi effettuati dal Cic hanno rivelato che la contaminazione della frazione organica raccolta in Italia ammonta al 4,9%. Si tratta prima di tutto di plastica non compostabile. Il 44% dei sacchetti usati per raccogliere i rifiuti umidi sono ancora in plastica tradizionale.

Situazioni analoghe si registrano anche negli altri Paesi europei, come Germania, Svizzera e Austria dove, con il supporto del ministero per Ambiente, agricoltura e turismo, il Kbvӧ (l’associazione nazionale austriaca per la produzione di compost e biogas che raggruppa 486 gestori di impianti e altre 56 aziende in Austria) sta lanciando la campagna ‘Tutto nel Bio – Alleanza per un’Austria libera dai sacchi di plastica’.

L’obiettivo e’ la promulgazione di una legge sul divieto di commercializzazione degli shopper monouso e dei sacchi per frutta e verdura di plastica non compostabile, analogamente a quanto e’ stato gia’ fatto in Italia e in Francia e dal 2020 anche in Spagna, in modo da garantire un sensibile miglioramento nella qualita’ della frazione organica.

Sia i dati delle analisi merceologiche condotte in Svizzera che quelli presentati da Bertram Kehres, Managing Director della Bgk – German Compost Quality Association, hanno evidenziato un livello di contaminazione da plastiche del prodotto finale superiore nel digestato degli impianti di digestione anaerobica rispetto al compost prodotto negli impianti di compostaggio tradizionali.

In Svizzera, nel 2017, il 73,3% dei campioni di compost analizzato e’ risultato idoneo mentre solo il 50% dei campioni di digestato ha superato il test di qualita’. In Germania, sempre nel 2017, a non soddisfare i criteri di qualita’ sono stati l’8,7% dei campioni di compost e il 10,8% dei campioni di digestato (i dati non sono confrontabili in quanto il criterio svizzero e’ piu’ restrittivo).

Di qui la considerazione unanime che uno degli obiettivi principali nella raccolta differenziata della frazione organica per la produzione di ammendanti idonei all’utilizzo in agricoltura deve essere quello di garantirne la qualita’, eliminando quanto piu’ possibile la plastica non compostabile gia’ a monte dei processi di trattamento.

“Novamont da 5 anni e’ partner promotore di questo evento in virtu’ dell’esperienza maturata in 25 anni di raccolta differenziata dell’organico in Italia – sottolinea Christian Garaffa, Marketing Manager Raccolte Differenziate di Novamont – Nel nostro sistema, i sacchi compostabili in Mater-Bi hanno permesso un’intercettazione della frazione organica efficiente e di qualita’ portandoci a primeggiare nel mondo”.

(Adnkronos)

Be the first to comment on "Plastica nell’organico, Paesi Ue a confronto"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


1 × 1 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.