Ricerca: da comitati etici a dati, prossimo Governo dovra’ riorganizzarla

Roma, 13 apr. (AdnKronos Salute) – Spettera’ al prossimo Governo, qualunque esso sia, riorganizzare il mondo della ricerca scientifica in Italia. Il ddl Lorenzin, approvato a fine anno dopo un lungo iter in Parlamento, delega infatti l’esecutivo “a riorganizzare l’attivita’ dei comitati etici, a dettare nuove regole in materia di accreditamento dei centri presso cui svolgere gli studi, a semplificare le procedure autorizzative per consentire, fra le altre cose, la possibilita’ di cedere alle aziende farmaceutiche i dati relativi a sperimentazione no profit, da utilizzarsi a fini registrativi”. A fare il punto con l’Adnkronos Salute l’avvocato Roberto Cursano, partner di Baker McKenzie, specializzato nel settore farmaceutico.

La delega affidata al Governo andra’ a imporre un importante riordino del settore, da attuarsi entro il febbraio 2019, finalizzato a rilanciare la ricerca scientifica in Italia e semplificarne l’iter autorizzativo dei suoi prodotti. “L’obiettivo primario della legge – spiega Cursano – e’ proprio riordinare e semplificare la sperimentazione clinica, perche’ finora in Italia esisteva una miriade di fonti normative e mancava un coordinamento. Tutte le azioni previste dalla legge sono dunque mirate a evitare la perdita di quote della ricerca nazionale a favore di altri Paesi con norme piu’ snelle: ci sono Stati che a oggi impiegano tempi 7-8 volte inferiori per autorizzare uno studio, rispetto a quanto avviene in Italia”.

“Innanzitutto – prosegue il legale – ci sara’ una nuova procedura di selezione dei centri autorizzati alla sperimentazione clinica: il Governo dovra’ individuarne i requisiti e prevedere regole anche attraverso il coinvolgimento delle associazioni dei pazienti, preferendo per l’accreditamento di centri che si occupano di malattie rare. Questo anche perche’ e’ prevista la partecipazione agli utili della sperimentazione da parte dei centri stessi. Migliorata anche la trasparenza e la lotta ai conflitti d’interesse, dato che andranno inseriti sul web tutti gli eventuali rapporti fra sperimentatori e sponsor”.

La nuova legge punta inoltre, evidenzia Cursano, “al rilancio delle sperimentazioni no profit: in Italia al momento vige una normativa senza eguali nel mondo, che vieta la cessione di dati della ricerca no profit a soggetti esterni, quindi imprese che vogliano investire nel progetto. Una realta’ che limita le possibilita’ di commercializzazione di nuovi farmaci, perche’ le aziende possono riconoscere solo contributi non condizionati”.

“La nuova legge – prosegue – pone finalmente un correttivo a questo divieto tutto italiano, e ci dice che con un nuovo decreto il Governo dovra’ prevedere necessariamente la possibilita’ di cessione dei dati alle societa’ farmaceutiche. Questo contribuira’ al rilancio della ricerca e alla trasparenza”.

Prevista inoltre la “riorganizzazione dei comitati etici, un punto dolente perche’ negli ultimi 20 anni assoggettato a 3-4 riforme e oggetto di forte frammentazione territoriale, con diverse interpretazioni delle norme e tempi differenti nelle autorizzazioni degli studi. Ora gli attuali 90 comitati dovranno scendere a 40 e proprio in questi giorni scadra’ il termine per il decreto ministeriale. Vedremo cosa accadra’”.

Altri importanti punti, segnala infine l’avvocato, “sono quello che prevede, al fine di garantire la diffusione delle sperimentazioni e di attrarre i capitali della ricerca scientifica, l’elaborazione di un contratto standard per gli accordi sugli studi e una tariffa uniformata da corrispondere al comitato etico”.

(Adnkronos)

Be the first to comment on "Ricerca: da comitati etici a dati, prossimo Governo dovra’ riorganizzarla"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


sedici − 10 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.