LE NOVITA’ DEL NATALE 2017 A PADOVA: CITTA’ DELLE STELLE DEI SELFIE E DEGLI ORSI POLARI

PADOVA SOPRATTUTTO CITTA’ DELL’OFFERTA COMMERCIALE PIU’ COMPLETA ED ESCLUSIVA DEL TRIVENETO: BEN 4.044 I NEGOZI SOLO IN CITTA’ (13.583 IN PROVINCIA).
BERTIN (PRESIDENTE ASCOM): “BUONA LA PARTENZA DEL PRIMO WEEKEND “A LUMINARIE ACCESE”, ADESSO SPERIAMO NEL METEO”
Padova città delle stelle. Ma anche dell’offerta più completa ed esclusiva del Triveneto”.
Prende spunto dal dal leit motiv che sta caratterizzando il Natale della città che vide Galileo Galilei “scrutare tante vie del cielo” il presidente dell’Ascom, Patrizio Bertin, per sottolineare un dato che spesso viene sottovalutato.
“Forse perché Sotto il Salone è il primo centro commerciale che la storia ricordi – precisa – forse per il fatto che sono 4.044 i negozi che animano il commercio padovano (e sono 13.583 quelli nel totale della provincia con ben 7.137 rappresentati da imprese individuali) o forse semplicemente perché “così è sempre stato”, fatto sta che non diciamo mai a sufficienza che questa è la piazza commerciale nordestina per eccellenza”.
E forse non viene mai detto a sufficienza che è anche molto originale.
“Noi dell’Ascom – puntualizza il presidente – siamo stati i primi a lanciare l’idea del Black Friday su scala nazionale. Un evento che a distanza di soli 4 anni è diventato un fenomeno sul quale tutti si sono buttati a capofitto, e-commerce in testa, per certi versi snaturandolo. Ma Padova ha saputo mantenere il suo tratto di originalità e anche quest’anno, con 180mila persone e 5 milioni di volume d’affari ha fatto il botto”.
Adesso è la volta degli orsi polari, vera attrazione del Natale 2017, con i quali è impossibile, per grandi e piccini, non farsi ammaliare dalla sirena del selfie.
“Anche in questo caso – continua Bertin – è una nostra primogenitura che siamo lieti di avere affiancato all’ampia offerta dell’amministrazione comunale che ha investito, direttamente, sulle luci, per così dire, “istituzionali”: dall’albero davanti a Palazzo Moroni, allo stesso municipio, alla Torre degli Anziani”.
Senza dimenticare l’intervento nelle vie, dove il comune supporta in parte l’impegno diretto dei commercianti, mentre il “Villaggio Lappone” di piazza Eremitani, affidato all’agenzia World Appeal, è un’idea che mutua ed amplia l’esperienza degli anni passati del “Villaggio di Babbo Natale”.
“Sono tutte iniziative che puntano a fare di Padova la “città degli acquisti natalizi” – conclude il presidente dell’Ascom – non solo per i residenti, ma soprattutto per quanti verranno attratti dalle nostre proposte e da quelle, decisamente nuove, come il concerto di Giorgio Moroder. In questo senso le previsioni sono buone e non manca, tra gli operatori del settore, un certo ottimismo confermato da questo primo week end “a luminarie accese” che ha visto, nonostante il freddo pungente, la città catalizzare l’interesse non solo dei suoi cittadini”.
Insomma si lavora e si spera. 
“Non ultimo anche nella meteorologia – conclude Bertin – che rimane pur sempre la variabile in grado di spostare quote importanti di mercato dai centri cittadini (non solo quello di Padova ma anche nei quartieri e dei paesi della provincia) ai centri commerciali”.

Padova 4 dicembre 2017

(Ascom Padova)

loading...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: