Con abiti di carta e scarti di pelle gli studenti Modartech al ‘Canto della Terra’

Firenze, 1 ago. (Labitalia) – Abiti, copricapi e accessori realizzati da materiale di scarto: gli studenti dell’Istituto Modartech di Pontedera stanno ultimando in queste ore gli ultimi dettagli dei costumi di scena dello spettacolo ‘Il Canto della Terra’, che Andrea Bocelli portera’ nel suo Teatro del Silenzio di Lajatico domani e giovedi’ 3 agosto, con la regia di Luca Tommassini, la direzione artistica dell’architetto Alberto Bartalini e gli abiti realizzati dalla costumista Claudia Tortora.

Dietro le quinte ci saranno anche loro, Margherita Giovanelli, Cecilia Albicini, Gianmarco Lupi, Cinzia Cerri, Erica di Marco, Elena Norci, Mirgena Koci e Dalila Lazzeri, studenti dell’Istituto Modartech di Pontedera, coordinati dalla docente e fashion designer Chiara Mosti.

Il progetto, in collaborazione con Waste Recycling, ha coinvolto i giovani talenti dei corsi in Design e Progettazione della moda e modellista Cad Abbigliamento, per la realizzazione di scenografici abiti, al 100% prodotti da materiale di scarto proveniente dall’Officina Scart. A partire dal design di Claudia Tortora, gia’ costumista di X Factor, i ragazzi hanno elaborato vestiti, cappelli e altri accessori per tutte le comparse, il coro, gli ospiti e i ballerini dello spettacolo.

Tra i materiali piu’ usati ritagli di cartone, stracci di tessuti, vecchi teloni, fascette utilizzate nei cantieri, scarti di pellame, che gli studenti hanno drappeggiato direttamente sui manichini, improvvisando di volta in volta la composizione. Ogni abito e’ risultato cosi’ un pezzo unico, diverso e irripetibile per il materiale e la tecnica. Questa sera, in occasione della prova generale, i giovani talenti Modartech saranno chiamati a vestire i componenti della Tommassini Virtual Family e a gestire i cambi dietro le quinte. Compiti che dovranno essere di nuovo messi in pratica, in occasione dei due spettacoli al Teatro del Silenzio.

‘Molto importante questa collaborazione con il progetto Scart – dichiara Alessandro Bertini, direttore Modartech – e con il mondo del teatro. Gia’ in occasione della Rassegna 11 Lune di Peccioli abbiamo avuto modo di vedere cosa i nostri studenti sono in grado di fare, a partire dai materiali di scarto messi a disposizione da Waste Recycling. Questa e’ una nuova opportunita’ di fare sinergia con il territorio e continuare a sensibilizzare il pubblico sul tema della sostenibilita’ – .

Un’esperienza unica che ha portato gli studenti Modartech a collaborare a stretto contatto con rinomati professionisti. Una full immersion nel vivo dei processi e delle fasi cruciali del lavoro, confrontandosi concretamente con gli aspetti operativi e creativi di un progetto artistico di fama internazionale.

(Adnkronos)

Be the first to comment on "Con abiti di carta e scarti di pelle gli studenti Modartech al ‘Canto della Terra’"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


dodici − 5 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.