A giugno tre giorni di festa per i 150 anni di Bper


Milano, 19 mag. (AdnKronos) – Perche’ la finanza non e’ solo Cet1 e numeri, ma ha anche “un cuore e una dimensione umana”, che permette di unire tante persone e parlare di grandi temi sociali come la disuguaglianza. E’ con questo spirito che Bper ha organizzato una tre giorni di eventi, dibattiti e concerti per festeggiare i suoi 150 anni: il 10, l’11 e il 12 giugno, a Modena, si terra’ ‘1867-2017. Una storia di valori, un futuro di crescita’. Ospiti eccellenti della cultura e dell’economia animeranno le iniziative e aiuteranno a ricordare la storia dell’istituto in un secolo e mezzo.

“Il mondo delle banche spesso e’ visto in modo negativo, noi vogliamo cercare di stare vicino alla gente: con questo evento volevano raggiungere un punto di equilibrio tra il territorio e il mondo della finanza per far si’ che ci sia maggiore comprensione”, ha spiegato il presidente di Bper, Luigi Odorici, presentando l’iniziativa a Milano.

Protagonisti saranno i grandi nomi dell’economia e della cultura: il premio Nobel Angus Deaton, i musicisti Paolo Fresu e Paola Turci, il pianista Ramin Bahrami insieme al regista Michele Placido, lo scrittore Alessandro D’Avenia, Beppe Severgnini, Stefania Pinna, economisti e opinionisti come Alberto Quadrio Curzio, Marta Boneschi ed Ernesto Galli della Loggia. Proprio l’iraniano Bahrami, oggi a Milano con i vertici della banca, ha riconosciuto il valore della musica e della cultura in un mondo oggi sempre piu’ ‘chiuso’.

“Dove non c’e’ il dialogo, c’e’ il buio e la musica serve proprio a unire. Cosi’ come la cultura: nonostante le guerre che ho vissuto non ho avuto una vita triste e rassegnata perche’ le mie basi culturali erano solide”, racconta Bahrami.

Ad aprire le tre giornate di eventi e’ la presentazione del libro illustrato ‘150 anni di valori. Storia illustrata di Bper Banca’ al Teatro della Fondazione Collegio San Carlo. Il progetto editoriale, a cura di Paolo Battaglia, mostra l’istituto di credito sotto una luce nuova perche’ e’ il primo che applica la visual history di stampo anglosassone alla storia di una banca. Lo compongono oltre mille immagini tratte dagli archivi interni dell’istituto e delle banche che via via sono entrate a far parte del gruppo, oltre che dall’archivio storico della Fondazione Fotografia di Modena.

L’impegno di Bper per la cultura e la musica non finisce con la tre giorni, quest’anno: l’istituto sara’ partner ufficiale del Modena Park, il 1 luglio, il maxi concerto-evento di Vasco Rossi dove attese oltre 200mila persone. In piu’, Bper e’ nel 2017 sponsor della 71esima del Premio Strega.

(Adnkronos)

loading...