“Crocerossine vessate e senza gradi”, scoppia la rivolta

Roma, 18 mag. (AdnKronos) – – Crocerossine senza i ‘gradi’, e scoppia la rivolta. A denunciare una “dolorosa realta’ di vessazione che le Sorelle stanno subendo ad ogni livello, assieme al Corpo, quasi una vera persecuzione” e’ Monica Dialuce, Ispettrice nazionale del Corpo delle Infermiere Volontarie della Cri, riferendosi a “un recente atto presidenziale” che “dispone la rimozione dei distintivi di grado nelle attivita’ civili delle Sorelle”. La “poca ragionevolezza” del provvedimento lascia “un sapore amaro” che fa “pensare ad altro, quasi fosse una punizione”. Non si fa attendere la replica del presidente nazionale della Croce Rossa Italiana, Francesco Rocca: “Non esiste alcuna persecuzione nei confronti del Corpo delle Infermiere Volontarie”. Si tratta, spiega all’AdnKronos, di “un semplice richiamo al rispetto dei regolamenti e delle normative vigenti, che si e’ purtroppo reso necessario perche’ qualcuno negli ultimi anni ha iniziato a usare in maniera impropria i gradi”.

“Non conosciamo la motivazione di questo provvedimento. In realta’ – sottolinea all’AdnKronos Dialuce – non c’e’ un articolo specifico del regolamento che prevede che le ausiliarie non possano indossare i gradi quando non sono in attivita’ ausiliaria alle forze armate”.

Le dichiarazioni di Dialuce “verranno discusse nelle sedi opportune”, preannuncia Rocca. “Siamo in presenza di attacchi strumentali alla Croce Rossa tutta, dettati dal personalismo dell’Ispettrice nazionale del Corpo e volti a deviare l’attenzione dalla sua inadeguata gestione e dalle critiche rivolte da piu’ parti alla sua persona. Il tema all’ordine del giorno -aggiunge Rocca – e’ molto piu’ complesso: negli ultimi anni c’e’ stato un fortissimo calo delle vocazioni e un eccesso di militarizzazione da parte dell’attuale Ispettrice che nulla ha a che vedere con le tradizione dell’ausiliarieta’ che da sempre vede in prima linea la Croce Rossa”.

“E’ fin troppo chiaro – precisa il Presidente nazionale della Croce Rossa Italiana – che il provvedimento appena emesso sui gradi delle Infermiere Volontarie, ben lungi dall’essere un attacco alla dignita’ del Corpo, e’ un semplice richiamo al rispetto dei regolamenti e delle normative vigenti, che si e’ purtroppo reso necessario perche’ qualcuno negli ultimi anni ha iniziato a usare in maniera impropria i gradi. Nello specifico, va spiegato che i gradi delle Infermiere Volontarie non sono equiparati a quelli dell’Esercito, ma semplicemente assimilati e funzionali al solo contesto dell’espletamento dei compiti ausiliari alle Forze armate e quindi non nella quotidianita’. La Croce Rossa Italiana tutta e’ unita indissolubilmente al Corpo delle Infermiere Volontarie che sono parte integrante dell’Associazione – .

In un lungo e accorato intervento su Facebook, la stessa Dialuce denuncia poi che “la pagina dedicata alle Crocerossine nel sito internet ufficiale della Cri nazionale non e’ gestita dalle Sorelle, rimanendo ad un non meglio specificato ‘gestore’ ogni iniziativa di riempimento e diffusione dei messaggi, anche intervenendo sui messaggi tanto da farmi dire, senza poter essere smentita, che in quella sede non sono rappresentate liberamente le idee del Corpo e quindi non ci riconosciamo in cio’ che altri pubblicano. Almeno ci sia riservato il diritto di esprimere cio’ che siamo e crediamo con la nostra penna”.

“Perche’ continuare a vessare le Sorelle con provvedimenti non fondamentali quando con dedizione ogni giorno svolgono i servizi che i Presidenti prevedono?”, si chiede l’Ispettrice Nazionale delle crocerossine, manifestando la volonta’ di “riaffermare il nostro diritto a svolgere con serenita’ e dignita’ la nostra opera di Volontariato nell’Associazione piu’ prestigiosa, la Croce Rossa Italiana”. Dialuce fa poi riferimento al recente e contestato emendamento alla riforma del Terzo Settore, precisando che “non e’ previsto alcun assoggettamento al ministero della Difesa”.

“Non c’e’ nessun abbandono della casa Croce Rossa da parte dei Corpi Ausiliari, non c’e’ nessuna lesione del principio di Unita’. Appare immediatamente impossibile che si verifichi l’assoggettamento dei Corpi Ausiliari Cri al Ministero della Difesa cosi’ come rivelato, peraltro in maniera superficiale. Non c’e’ mai stato un interesse del Dicastero in questo senso ed e’ mancata la consultazione che per prassi e per necessita’ precede queste iniziative di natura politica. Lo stesso strumento normativo non e’ parso essere adeguato. Leggendo il testo si palesa l’assoluta assenza di quei contenuti tanto drammaticamente diffusi”.

Il ministero, rileva quindi, “propone la possibilita’ di sottoscrivere direttamente con i Corpi Ausiliari la convenzione di come questi ultimi debbano garantire l’ausilio alle Forze Armate, a fronte di un contributo economico appositamente versato annualmente alla Cri. Nulla di piu'”.

Dialuce si augura infine che sia “giunto il momento di aprire le porte ad una collaborazione vera, concreta, fattiva, che ci sia data la possibilita’ di partecipare alla costruzione di questa casa comune di tutti i Volontari, che si abbandoni con effetto immediato la condotta delle imposizioni, sopratutto quelle provenienti da un Vertice che per sua natura dovrebbe essere sereno, equanime e privo di pregiudizi”.

(Adnkronos)

loading...

Be the first to comment on "“Crocerossine vessate e senza gradi”, scoppia la rivolta"

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: