Este: Este e’ “Citt che legge” 2017!

Este è “Città che legge” 2017!

  • Stampa
  • Email

LOGO Città che legge 300x300

19 aprile 2017 – ESTE E’ UFFICIALMENTE “CITTA’ CHE LEGGE”!

Il Sindaco Roberta Gallana: “Una qualifica che il Ministero dei beni e delle attività culturali ed Anci hanno riconosciuto alla nostra Città, insieme ad altri 363 Comuni, su un totale di 520 partecipanti. Un risultato importante, di cui andare fieri, che riconosce l’impegno degli operatori e la qualità delle attività svolte dalla nostra Biblioteca Civica e dal Comune per la promozione della lettura come valore da cui dipende la crescita intellettuale, sociale ed economica della comunità. L’inserimento nell’elenco ‘Città che Legge’ consentirà alla nostra Amministrazione di partecipare ai bandi che il Centro per il libro lancerà per attribuire finanziamenti e inventivi per progetti culturali e di diffusione della lettura”.

Il Comune di Este ha partecipato al bando promosso dal MIBACT-Centro per il libro e la lettura e da ANCI. Attraverso la qualifica di “Città che legge” i promotori intendono riconoscere e sostenere la crescita socio-culturale delle comunità urbane attraverso la diffusione della lettura individuale e collettiva. Este ha dimostrato di essere in possesso di tutti i requisiti richiesti dal bando e pertanto si è meritata l’importante riconoscimento.

Sono numerosi i progetti attualmente in esecuzione presso la Biblioteca Civica a favore dei giovani utenti, a partire dall’età dell’Asilo nido fino a quella della Scuola secondaria di primo grado, che impegnano numerosi e qualificati operatori del settore.

Si tratta di attività che integrano i normali servizi di base dell’istituzione (consultazione libraria in sede, prestito esterno e interbibliotecario provinciale, emeroteca, informazioni bibliografiche, postazioni web, aula studio ecc.), e che si affiancano ad altre iniziative di carattere artistico-culturale, effettuate periodicamente presso la sede o in altri siti della città, promosse in una logica di formazione permanente del cittadino.

– Progetto Nazionale “Nati Per Leggere” – “Dalla Biblioteca al Nido… e ritorno”

Il progetto NpL si pone l’obiettivo di promuovere la pratica della lettura ad alta voce con i bambini di età compresa fra zero e sei anni e di avvicinare precocemente il bambino al libro, favorendo il sostegno e lo stimolo a tutti i processi di apprendimento cognitivo ed emozionale.

Attraverso la continuità di questa proposta, dopo l’aggiornamento professionale svolto negli anni scorsi a favore delle educatrici, la Biblioteca si rivolge all’utenza allargata dell’Asilo Nido “Arcobalena” di Este (cioè bimbi e loro famiglie), offrendo alcuni momenti di pratica e di approfondimento sulla buona prassi educativa della lettura ad alta voce con l’esperta Katia Scabello, al termine della giornata scolastica.

Altre iniziative a favore di tutti i piccolissimi, nonché dei loro giovani genitori, saranno effettuate durante l’anno, anche con il coinvolgimento di un gruppo di Lettori Volontari “Nati per Leggere”, coadiuvati da esperti formatori.

– Visite guidate di gruppi-classe della Scuola dell’Infanzia in Biblioteca

L’attività viene proposta a 10 gruppi-classe del terzo anno della Scuola dell’Infanzia, accompagnati dalle insegnanti; ogni appuntamento comprende alcune letture animate e drammatizzate (1 ora e mezza circa) a cura dell’Associazione Culturale Villa Dolfin Boldù, contestuale alla visita dell’edificio della Biblioteca, con un’illustrazione semplificata del patrimonio librario e dei servizi offerti all’utenza. L’obiettivo è di creare un incontro amichevole con l’istituzione, i suoi spazi e i suoi materiali, onde favorire un piacevole approccio con il libro e la lettura, con l’auspicio che l’allievo torni spontaneamente da utente in Biblioteca, possibilmente coinvolgendo i familiari. Hanno aderito tutti i plessi dell’Istituto Comprensivo Statale di Este e di alcuni centri contermini.


– Percorsi a tema e laboratori per la Scuola Primaria

La Biblioteca ha proposto alle Scuole attività rivolte a gruppi-classe che prevedono – oltre alla lettura ad alta voce di testi – percorsi integrati in cui i bambini possano realizzare laboratori di manualità o di altra pratica creativa, diversificati per la fascia “primo ciclo” e “secondo ciclo”. Il laboratorio diventa occasione per presentare la lettura come strumento di crescita e conoscenza, stimolando la curiosità e la creatività dei partecipanti. Sono stati attivati, con un calendario tra aprile e maggio 2017, con viva attenzione dimostrata dai docenti:

– 10 incontri di letture animate e interventi di arte-terapia per gruppi-classe di 1^ e 2^ Primaria in Biblioteca, denominati “Viaggio nelle favole” curati da Alice Furlan in collaborazione con Beatrice Corbini e Nicolò Minazzo, destinati ad allievi delle Scuole “Unità d’Italia”, “S. Maria del Pilastro”, “G. Pascoli” e “M. Sartori-Borotto” di Este, nonché “A. Manzoni” di Baone;

– 5 mini-laboratori di scrittura ideati da Sara Saorin della Casa editrice CameloZampa, di 2 incontri ciascuno, per le classi del 2° ciclo della Primaria, cui hanno aderito le Scuole Primarie “Unità d’Italia” di Este e “A. Manzoni” di Baone.

– Percorsi a tema-laboratori per la Scuola Secondaria di Primo Grado / “Progetto continuità” tra Primaria e Secondaria di 1° grado

Per questa fascia di classi, i laboratori si propongono di legare l’esperienza della lettura-studio alla scoperta-conoscenza tra Biblioteca e Museo, creando idealmente un ponte tra l’offerta culturale della nostra Biblioteca Civica e quella del Museo Nazionale Atestino, a cura dell’Associazione Culturale Studio D.

Per l’anno scolastico 201617 vengono realizzati 4 laboratori interattivi denominati “I Custodi delle Memorie”, con moduli di due incontri ciascuno per gruppo-classe: l’operatore archeologo, in veste di mediatore culturale e “linguistico” (dando voce ai manufatti antichi…), in Museo guiderà i ragazzi alla scoperta dei reperti e degli aspetti culturali e rituali che con più evidenza risultino correlati alle fonti scritte; il secondo incontro, in Biblioteca, consentirà di percepire la Biblioteca stessa come luogo di conservazione della memoria scritta, cogliendone i meccanismi d’inventariazione e gestione dei documenti/libri raccolti, per poi far diventare i ragazzi stessi protagonisti di una divertente ricerca (quasi una caccia al libro) da cui trarre ispirazione per la realizzazione di un proprio elaborato in forma di narrazione e/o elaborato grafico.

Alla fine dell’esperienza gli studenti, coordinati dai docenti referenti, potranno continuare in classe eo in Biblioteca ricerche in autonomia o a gruppi, sui temi e le relative fonti e testi che implementino le conoscenze acquisite o ne sviluppino di nuove, sulla scorta del metodo sperimentato con il progetto.

A questa proposta hanno aderito classi della Scuola “G. Carducci” di Este e “A. Manzoni” di Baone.

Biblioteca facciata

(Comune di Este)

loading...

Be the first to comment on "Este: Este e’ “Citt che legge” 2017!"

Leave a comment

Your email address will not be published.


*


Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.