Da verona allo zintan, amia portera il suo know how in libia

Milano, 28 mar. (AdnKronos) – Di solito, nel dibattito politico, sono considerate “troppe”, “ingessate”, “da riformare”. A volte, invece, le municipalizzate fanno scuola, portando il loro know how in contesti dove l’innovazione non ha nemmeno le infrastrutture per attecchire. E’ il caso di Amia, l’utility veronese dei rifiuti che scommette sulla Libia e punta a firmare contratti nell’ordine dei 10 milioni di euro per il lancio di progetti infrastrutturali a Zintan, nel Nord Ovest del Paese. A meta marzo, un viaggio insieme al sindaco Flavio Tosi insieme ad altri imprenditori e aziende italiane ha posto le basi per opportunita di cooperazione.

“Quando le aziende pubbliche sono efficienti, i benefici riguardano tutti”, spiega all’Adnkronos Andrea Miglioranzi, presidente di Amia Verona. “La nostra idea – continua – e che i servizi quotidiani ai cittadini possono essere affiancati da altre attivita remunerative per gli azionisti e per l’intera collettivita”. Da qui, le missioni ‘esplorative’ del gruppo: prima in Albania, dove Amia oggi raccoglie e ricicla i rifiuti di Tirana. Adesso in Libia, in un’area relativamente pacifica che ospita i giacimenti dell’Eni.

(Adnkronos)

loading...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: