La Cassazione conferma la sentenza per concorrenza sleale contro Zucchetti spa da parte di due ex agenti passati a Solari di Udine

Udine. È stata la prima sezione civile della Suprema Corte, presieduta dal giudice Aniello Nappi, a respingere il ricorso di Solari di Udine s.p.a., contro la sentenza della Corte di Appello di Bologna che aveva riconosciuto il danno da sviamento della clientela a favore di Zucchetti s.p.a.

Solari di Udine s.p.a. è assistita dall’avvocato Geniale Caruso dell’omonimo studio legale in Udine, con l’avvocato romano Angelo Scarpa.

Zucchetti S.p.a. è assistita dagli avvocati Davide Baraldi e Giovanni Cavani dello studio legale Cavani in Modena, con l’avvocato romano Andrea Zoppini.

Nel 2013 la Corte d’Appello Di Bologna, ribaltando la decisione di primo grado del Tribunale di Modena, aveva riconosciuto gli agenti di commercio Mimmo Spagna e Marco Donati – difesi dall’avvocato Massimo Francesco Dotto partner dello studio legale Coggiatti – responsabili dello sviamento della clientela di Zucchetti spa divisione Oracontrol a favore della Solari di Udine Spa. Di conseguenza aveva condannato gli ex agenti Zucchetti e l’azienda Solari “al pagamento di una somma equitativamente liquidata”.

Zucchetti spa – si legge in sentenza – aveva “dimostrato l’esistenza del danno, con la produzione in giudizio delle disdette dei contratti di assistenza e manutenzione, effetto della concorrenza sleale subita.”

Contro la sentenza della Corte di Appello di Bologna, Solari di Udine e gli ex agenti Zucchetti avevano lamentato, tra l’altro, che la decisione si sarebbe basata su una consulenza tecnica d’ufficio che avrebbe utilizzato “elementi di prova e documenti non ritualmente raccolti”. La Suprema Corte ha respinto il ricorso anche in considerazione del fatto che i ricorrenti non “illustrano in che modo quegli elementi, non ritualmente acquisiti dal CTU, abbiano fatto lievitare la misura del risarcimento rispetto a quella comunque liquidabile sulla base della documentazione tempestivamente fornita dalla parte”. Il giudice di secondo grado – continua la sentenza – “ha concluso per l’impossibilità di fornire una prova non solo rigorosa ma anche solo precisa del danno risarcibile ed ha tratto la specifica misura dell’entità del danno, in via generale, non già in base alla platea documentale aggiunta di sua iniziativa dal CTU, oggetto delle censure da parte dei ricorrenti”.

La Cassazione, con sentenza pubblicata il 25 gennaio scorso ha confermato la sentenza di appello, condannando Solari e i due agenti di commercio al pagamento delle spese di lite.

Zucchetti spa, con sede principale a Lodi, è una realtà attiva nel settore dell’information tecnology, dai primi anni 2000 aveva attuato una serie di acquisizioni di aziende nel settore del software per la rilevazione delle presenze tra cui la Serra Oracontrol, Kronotech, Tmc e Topware.

Solari di Udine è una storica azienda friulana attiva dal 1725 nella settore della misurazone del tempo. Si occupa della progettazione e produzione di pannelli informativi, orologi, e sistemi per il controllo degli accessi negli ambienti di lavoro.

Scopri tutti gli incarichi: Geniale Caruso – Giubergia-Caruso; Davide Baraldi – Cavani Studio Legale; Giovanni Cavani – Cavani Studio Legale; Massimo Francesco Dotto – Coggiatti & Associati;

Be the first to comment on "La Cassazione conferma la sentenza per concorrenza sleale contro Zucchetti spa da parte di due ex agenti passati a Solari di Udine"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


otto + dodici =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.