PM10, DICEMBRE NERO: 19 GIORNI DI ARIA AVVELENATA. Pilatesca la nuova direttiva regionale sulla qualita’ dell’aria

Legambiente PadovaE’ un altro dicembre da dimenticare, questo del 2016, per quanto riguarda il Pm10, le polveri sottili: dal primo al 26 di questo mese si sono verificati ben 19 superamenti del limite di legge giornaliero, con picchi fino a 104 microgrammi. Dall’inizio dell’anno al 24 dicembre le poveri sottili sono arrivate a 62 superamenti del limite giornaliero.

(Leggi tutto su Legambiente Padova)
PM10, DICEMBRE NERO: 19 GIORNI DI ARIA AVVELENATA
Pilatesca la nuova direttiva regionale sulla qualità dell’aria

28/12/2016

PM10, DICEMBRE NERO: 19 GIORNI DI ARIA AVVELENATA
PILATESCA LA NUOVA DIRETTIVA REGIONALE SULLA QUALITA’ DELL’ARIA

E’ un altro dicembre da dimenticare, questo del 2016, per quanto riguarda il Pm10, le polveri sottili: dal primo al 26 di questo mese – dichiara Lucio Passi, Portavoce di Legambiente Padova – si sono verificati ben 19superamenti del limite di legge giornaliero (50 microgrammi per metro cubo d’aria da non superarsi per legge più di 35 giorni in un anno), con picchi fino a 104 microgrammi. Così gli ultimi giorni: Giovedì 70 microgrammi, Venerdì 85, Sabato 99, Domenica 100. Dall’inizio dell’anno al 24 dicembre le poveri sottili sono arrivate a totalizzare 62 superamenti del limite giornaliero.

“A fronte di questa situazione – continua Passi – il 16 dicembre sul BUR Veneto è stata pubblicata una nuova deliberazione della Giunta Regionale “Linee guida per il miglioramento della qualità dell’aria” sostanzialmente pilatesca. Infatti è una delibera che non decide nulla, ma che si limita ad indicare ai Comuni una serie di possibili provvedimenti temporanei che gli stessi possono decidere di adottare (ma per carità, senza alcun obbligo!) nel caso del superamento per sette giorni consecutivi di 50 mg/m3 (criticità1) o nel caso del superamento per tre giorni consecutivi di 100mg/m3 (criticità 2). Si tratta di un provvedimento evidentemente dettato solo dal tentativo di evitare la procedura di infrazione avviata dalla UE il 28 maggio 2015 nei confronti e del Veneto per gli sforamenti del PM10, e che come i precedenti provvedimenti regionali in materia di qualità dell’aria, scarica sui Comuni ogni responsabilità.”

“Non sono comunque i provvedimenti temporanei la strada per combattere lo smog. Nel dibattito che precederà l’elezione del Sindaco, secondo Legambiente, è necessario discutere seriamente anche del “road pricing” a Padova. Uno studio già elaborato propone di contenere l’enorme flusso (circa 250mila spostamenti al giorno) di chi entra e attraversa Padova dalle tangenziali, prevedendo di tariffare un’area ampia, appena interna al cerchio delle tangenziali. Chi vorrà accedere a quest’area deciderà se pagare un biglietto od optare per il trasporto pubblico ad un costo minore. Serve ovviamente potenziare e rendere competitivo il servizio pubblico, e le risorse per farlo verrebbero proprio dalla tariffazione con la quale Padova potrebbe investire annualmente fino a 10 milioni di euro nello servizio che diventerebbe molto più frequente, capillare e veloce, tale da farlo preferire all’auto a decine di migliaia di cittadini, innescando così un circuito virtuoso” conclude Passi.

Categoria: smog | comunicati stampa

{po4] html}

Be the first to comment on "PM10, DICEMBRE NERO: 19 GIORNI DI ARIA AVVELENATA. Pilatesca la nuova direttiva regionale sulla qualita’ dell’aria"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


tre × 3 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.