George Michael mi ha cambiato la vita: racconto di un'emozione

(Evento Zed!)Chissa’ mai se un destino imprenditoriale si puo’ legare ad un concerto.
Non un concerto qualsiasi, il primo spettacolo live della propria vita.
Per me quella fu una folgorazione.
Avevo 13 anni e mi trovavo nel mezzo delle mie vacanze estive tra la terza media ed il primo anno di ginnasio ed ero ospite degli zii americani nel New Jersey.
Il mio walkman macinava musica in cassette (che negli Stati Uniti costavano meno di un terzo del valore italiano) ed il mio primo acquisto americano fu proprio l’ultima produzione di George Michael. Si era da poco separato dagli Wham! ed aveva iniziato la carriera da solista con I want your sex che imperversava ad alta rotazione in tutte le radio.

E poi l’inatteso regalo: i miei cugini avevano ricevuto in omaggio 4 biglietti per il concerto del 09 Agosto 1988 a Philadelphia e mi offrirono l’opportunita’ di accompagnarli.
Fu un’esperienza unica, a distanza di quasi 30 anni posso ricordarmi tutte le sfaccettature di quelle emozioni, dalla notte prima, insonne per l’evento che mi aspettava, al viaggio di andata con la voglia di arrivare il prima possibile, alla cena a pochi metri dal palcoscenico, per poi arrivare all’incontro con la mia prima arena gremita di pubblico (non avevo mai visto una platea cosi’ grande e cosi’ piena) e all’energia inesauribile del mio primo concerto, il ritorno a casa, leggera nello spirito, ripercorrendo a squarciagola tutte le canzoni ed infine la frenesia di vedere e ritagliare le recensioni sui giornali del giorno dopo, che sarebbero diventate il mio memorabilia ed anche la mia prima rassegna stampa!
Emozioni e ricordi che come si faceva all’epoca, custodisco ancora in un album di fotografie. Forse inconsapevolmente fu in quel momento che capii il valore del live: benessere, aggregazione, cultura, svago.

Chi l’avrebbe mai detto che non molti anni dopo, 7 nello specifico, avrei fatto della musica la mia passione e soprattutto il mio lavoro, con due persone speciali, Diego e Daniele, miei compagni di vita e poi anche di affari con cui avremmo intrapreso insieme, costruendolo da zero, un bellissimo sogno imprenditoriale.

Con grandissimo sacrificio e dedizioni ci siamo applicati ad un mestiere tanto speciale quanto difficile e sacrificante, se penso ai primi anni ricordo che pur con molti meno spettacoli in programmazione (a malapena uno al mese), si lavorava giorno e notte, eravamo un laboratorio di idee e di energia creativa.

E nel pieno boom della nostra crescita, nel 2007 e’ arrivata anche la grande opportunita’ di realizzare la produzione live internazionale piu’ mastodontica ed imponente: il 25 Live di George Michael, che celebrava gli oltre 100.000.000 di album venduti in tutto il mondo con un concerto grandioso.

Accetto’ di suonare a Padova e mettemmo in scena un evento straordinario, tecnologicamente all’avanguardia per quegli anni con il primo palco, scenografie e passerella completamente a led.
Ricordo che tra gli ospiti vennero accreditati anche moltissimi artisti italiani, curiosi di vedere dal vivo questa produzione, gia’ acclamatissima in altre nazioni.

box-georgeUn evento che rimane indelebile nella ns memoria non solo per la sua ‘monumentalita”, ma anche per i costi astronomici che dovemmo affrontare per la sua realizzazione (10 giorni di premontaggio con centinaia di tecnici e di operatori, noleggio di una gru edile, solo per citare alcune voci).

Fu un concerto strepitoso.
Nota di colore: uno dei divani che arredano oggi i ns uffici e’ quello utilizzato da George Michael nel suo camerino e su cui si distese per rilassarsi prima dello show.

Il nuovo ed ultimo incontro con l’artista fu nel 2011 all’Arena di Verona nelle due sere del suo spettacolo con l’orchestra sinfonica.
Elegante e raffinato in una versione un po’ da crooner, Michael ci era pero’ apparso stanco ed introverso.

Oggi sono triste, siamo tristi e melanconici per questa nuova stella che si e’ spenta.
Grazie forse a quel primo concerto del lontano 1988, George Michael ha contribuito a sua insaputa, alla nascita e alla crescita della nostra azienda. E da quel primo concerto, le emozioni si sono diffuse e replicate nelle migliaia di spettacoli che da allora mettiamo in scena in tutto il Nord Est.

Grazie, George.

Valeria Arzenton, Zed!

(Evento a cura Zed! Entertainment Italy. Clicca qui per la scheda dello spettacolo)

(Zed Live)