Turchia: confartigianato, a rischio quasi 1 mld di export del made in veneto

Venezia, 20 lug. (AdnKronos) – ‘Messico, Argentina, Russia, Brexit ed ora la Turchia. Le tensioni internazionali stanno coinvolgendo aree di elevato interesse per il ‘made in Veneto ‘ con crescente preoccupazione da parte dei produttori di beni anche artigiani ‘. Lo afferma Luigi Curto, Presidente della Confartigianato Imprese Veneto che spiega: ‘la Turchia -teatro del fallito golpe e per questo entrata in una fase di forte instabilita politica ed economica per ora difficilmente analizzabile- e il sesto mercato extra UE28 di destinazione dell’export veneto dopo gli Stati Uniti, Svizzera, Cina, Russia ed Hong Kong. Il primo in Medio Oriente e Nord Africa. L’export made in Veneto diretto in Turchia vale ogni anno 974.371.117 euro (periodo aprile 2015 – marzo 2016). Esso rappresenta l’1,7% delle esportazioni venete e ben il 10,4% dell’export nazionale diretto in Turchia”.

Lo scorso anno i prodotti made in veneto piu venduti nel Paese euroasiatico sono stati: i Macchinari e apparecchiature nca (31% del totale per oltre 300 milioni di euro di beni venduti), prodotti delle altre industrie manifatturiere (14,4% del totale per 140,5 milioni) e Apparecchiature elettriche e apparecchiature per uso domestico non elettriche (9,2% e circa 90 milioni). Importanti anche gli scambi nel settore moda. In particolare gli Articoli in pelle (escluso abbigliamento) valgono il 4,9% del totale e quasi 48 milioni di euro, gli Articoli di abbigliamento (anche in pelle e in pelliccia) 4,5% e 43,5 milioni ed i Prodotti tessili, 4,5% e 43,4 milioni.

(Adnkronos)

loading...
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: