Raccolta pile e accumulatori, nuove regole nell’accordo tra Cdcnpa e Anci

Roma, 7 lug. (AdnKronos) – Firmato a Roma il nuovo Accordo di Programma tra il Centro di Coordinamento Nazionale Pile Accumulatori (Cdcnpa), l’organismo che coordina le attivita’ di raccolta di questi rifiuti da parte dei Sistemi Collettivi e Individuali istituiti dai produttori di pile e accumulatori, e l’Associazione dei Comuni Italiani. L’Accordo – sottoscritto dal delegato Energia e Rifiuti di Anci Filippo Bernocchi e dal presidente del Cdcnpa Giulio Rentocchini – definisce le nuove regole e le modalita’ operative per la raccolta e il ritiro dei rifiuti presso i centri di raccolta gestiti dai Comuni o dalle aziende a cui hanno affidato i servizi di gestione dei rifiuti.

La principale novita’ di questo accordo riguarda, in particolare, la modulazione dei corrispettivi economici che i sistemi Collettivi e Individuali che compongono il Cdcnpa riconoscono ai Comuni e alle aziende a fronte del raggiungimento di target specifici di raccolta differenziata di pile e accumulatori sul territorio. Per il prossimo triennio, i corrispettivi saranno proporzionali al livello di raccolta dell’area servita, vale a dire che, nelle zone in cui la raccolta pro capite (calcolata in grammi per abitante) sara’ piu’ alta, e’ previsto un contributo maggiore per ogni tonnellata raccolta.

Per stimolare ulteriormente la raccolta sui territori e’ stato introdotto anche un premio per la raccolta incrementale, un ulteriore bonus per ogni tonnellata raccolta in piu’ rispetto all’anno precedente.

Altra novita’ dell’Accordo e’ la possibilita’ di creare una sinergia tra aziende di servizio pubblico di gestione rifiuti e gli esercizi commerciali che si iscrivono al portale del Cdcnpa e presso i quali i cittadini portano le pile esauste. Da oggi sara’ infatti possibile per i Comuni e le aziende di raccolta attivare una convenzione in accordo con il sistema collettivo o individuale al quale e’ affidato il territorio di competenza in base alla quale saranno proprio i gestori del servizio pubblico di raccolta a ritirare direttamente tali rifiuti, ottenendo un ulteriore incremento dei corrispettivi.

“L’accordo firmato oggi – sottolinea Rentocchini – rappresenta un passo fondamentale verso il raggiungimento degli obiettivi europei di raccolta di pile e accumulatori portatili che dal prossimo settembre saliranno al 45%”. Per Bernocchi, l’accordo “testimonia la proficua collaborazione con il Cdcnpa ormai consolidata nell’ottica di rendere efficace il sistema nel suo complesso attraverso un percorso virtuoso, per raggiungere gli ambiziosi obiettivi previsti dalla normativa”.

(Adnkronos)

Be the first to comment on "Raccolta pile e accumulatori, nuove regole nell’accordo tra Cdcnpa e Anci"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


8 − cinque =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.