Veneto al quinto posto nella spesa in gioco d’azzardo

Il nuovo divertimento di moda in Italia è il gioco d’azzardo in rete, con le slot machine al primo posto nella graduatoria. Tra le regioni più appassionate spicca il Veneto.

Social network, blog e acquisti. Internet ha portato novità insostituibili nella vita di tutti i giorni, tanto da aver stravolto le abitudini comunicative, eliminato attività non sempre piacevoli. Ma anche aumentando il divertimento di quelle emozionanti, come nel caso del gioco d’azzardo. Il settore del gambling è stato il più efficace nel suscitare maggiore interesse avvicinandosi agli utenti tramite la rete e l’iGaming.

I casinò online hanno un’importanza fondamentale all’interno dell’economia, dato che nel solo 2015 16 degli 88 miliardi investiti dagli italiani sono derivati proprio dal mondo virtuale, che ha usufruito dal successo tutto italiano di Lottomatica e dall’ingresso sul mercato di brand stranieri come 32Red, Netbet e Bet365. Un mercato in costante crescita, con un grosso vantaggio in termini di comodità e rapidità di pagamento. Certo in alcune specialità, come avviene per il poker, l’online non può sostituire interamente l’emozione del live, che di fatto costituisce una variante a parte. Tanto da poter distinguere senza difficoltà tra i migliori giocatori mondiali i “nets” contro i “vets” (abbreviazione di “veterans”), chi ha fatto la propria fortuna con l’online e chi invece è salito all’Olimpo del gioco tramite la costante presenza nelle sale da gioco.

Le statistiche riportate da MineraliClandestini riguardo i casinò online in Italia certificano il dominio degli apparecchi da intrattenimento come new slot e videolottery, che da sole rappresentano il 56% del volume totale di gioco dei casinò online. Oltre alle macchinette, sono le lotterie la categoria più agevolata dall’avvento dell’era digitale, soppiantando il classico Lotto con tutte le combinazioni di giocata istantanea. In leggera difficoltà invece il poker in rete, probabilmente sofferente per la spaccatura tra live e online descritta in precedenza. In calo anche le scommesse sportive online, così come quelle ippiche, nonostante l’introduzione della puntata a evento in corso, più comoda per i giocatori più appassionati. Non è da escludere che quest’ultimo dato dipenda dal successo di casinò online come 32Red Italia, che hanno deciso di concentrarsi su slot, roulette, blackjack e poker a discapito degli eventi sportivi, entrando nella top ten italiana dei brand AAMS.

Al passo con le tendenze nel settore del gambling è il Veneto, che nella graduatoria regionale stilata da AGIMEG si piazza al quinto posto con un volume di spesa annuo intorno a 1,29 miliardi di euro, un paio di milioni in meno dell’Emilia Romagna. Impensabile invece avvicinare il trio al comando, con Lombardia, Campania e Lazio che costituiscono il 40% dell’importo totale di scommesse. Rimane comunque alta la cifra spesa in media dai veneti, superiore ai mille euro ogni dodici mesi. Con la netta prevalenza di slot machine e videolottery, anche in questo caso decisamente in cima alle preferenze dei giocatori. Importante in questo senso il ruolo del Casinò di Venezia, a lungo faro delle sale da gioco italiane e ultimamente in grado di far muovere cifre notevoli online, con l’apertura di un sito dedicato. Innovazioni continue per un settore capace di cambiare volto per non passare mai di moda. Anche se l’emozione di una location come Venezia non può essere riprodotta da nessun software.

Please follow and like us: