Al via i lavori per la pista ciclabile lungo il fiume Brenta

(Provincia di Padova)

Prendono il via i lavori per il nuovo itinerario ciclopedonale lungo il fiume Brenta. Un tracciato davvero spettacolare che parte da Pontevigodarzere nel Comune di Padova e si conclude a Carmignano di Brenta transitando attraverso gli scorci più belli della via d’acqua a nord di Padova, fino al confine con la provincia di Vicenza. L’opera è resa possibile grazie al contributo della Provincia e al rilevante sostegno della Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo. Si è tenuta l’inaugurazione di un cippo con le targhe dei due enti che simbolicamente indicherà l’inizio del percorso. Erano presenti la presidente dell’Amministrazione provinciale Barbara Degani e il presidente della Fondazione Antonio Finotti che hanno illustrato il progetto ai nove sindaci interessati dall’itinerario.
“Ci troviamo in una delle aree storico naturalistiche più prestigiose del nostro territorio – ha detto la presidente Degani – Il nostro obiettivo è di farne un itinerario di livello europeo che, insieme all’Anello dei Colli già percorribile e alla Treviso Ostiglia, ci collegherà a nord con Trento, a Est con Venezia, a ovest con Verona e a sud fino a Ferrara. Viene così realizzato un sistema integrato di percorsi che fa di Padova il luogo ideale per viaggiare dalle montagne, ai laghi o al mare in bicicletta, passando per i posti più belli del Veneto e dell’Italia. Noi ci crediamo e come Provincia stiamo investendo molto nel cicloturismo per attrarre sia nuovi segmenti di visitatori, sia la mobilità cosiddetta debole fatta da famiglie, amanti della bicicletta, disabili e bambini. Un impegno che ci sta dando grandi soddisfazioni, basta vedere l’affluenza delle persone lungo i tratti già percorribili”.
Antonio Finotti, presidente della Fondazione, ha dichiarato: “A un anno di distanza dall’inaugurazione dell’Anello dei Colli Euganei, opera realizzata con il sostegno del nostro ente e della Provincia, siamo lieti di prendere parte all’avvio dei lavori di un’analoga iniziativa, che offrirà ai padovani e non solo la possibilità di compiere uno splendido itinerario tra natura, storia e cultura. L’intervento del nostro ente rientra all’interno di un impegno più ampio volto a promuovere la salvaguardia dell’ambiente. Siamo infatti convinti che un ambiente più sano contribuisca non solo a migliorare la qualità della vita dei cittadini, ma anche a determinare benefici concreti per il territorio, come dimostra ad esempio la crescente diffusione del cosiddetto turismo sostenibile”.
I comuni attraversati dal percorso del Brenta sono 9: Padova, Vigodarzere, Limena, Piazzola sul Brenta, Campo San Martino, Grantorto, San Giorgio in Bosco, Fontaniva e Carmignano di Brenta. Lungo il tracciato la pista del Brenta interseca la pista ciclo-pedonale Treviso-Ostiglia e va a confluire nell’anello fluviale di Padova. L’itinerario ha una lunghezza complessiva di 38 chilometri e si inserisce nel progetto unitario proposto dalla FIAB (Federazione italiana amici della bicicletta) e approvato nel master plan della Regione Veneto per realizzare il collegamento da Venezia a Trento, passando per Bassano del Grappa e il lago di Caldonazzo.
L'importo complessivo dell'opera ammonta a € 3.200.000 di cui € 1.600.000 stanziati dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo, € 960.000 dalla Provincia e la somma restante dalla Regione Veneto.
L’attuale intervento non riguarda tutto il corso del fiume Brenta, ma la parte a nord di Padova che andrà a collegarsi con il percorso del Muson dei Sassi (itinerario di Sant’Antonio) realizzato nella primavera del 2009 e poi ci sarà la connessione con l’ex ferrovia Ostiglia a Campo San Martino. Nel 2009 è stato inoltre chiesto un finanziamento nell'ambito di un bando transfrontaliero Italia-Slovenia denominato “Progetto Interbike” che permetterà di proseguire successivamente fino ai confini con Vicenza. È stato infatti concesso un importo di € 124.000 relativo alla realizzazione di due ulteriori chilometri di pista ciclopedonale lungo il fiume Brenta, in direzione nord verso il lago di Camazzole a Carmignano di Brenta.
Sotto il profilo naturalistico il corso del Brenta, in particolare nel tratto a nord di Padova fino a Bassano, è interessante per la ricchezza di meandri, paleoalvei, golene boscate, zone umide e le molteplici cave abbandonate. Sotto il profilo storico culturale, s’incontrano edifici di pregio storico e architettonico (come la Certosa di Vigodarzere, Villa Pacchierotti a Limena, Villa Trieste e Villa Camerini Contarini a Piazzola sul Brenta), oltre a manufatti idraulici (come la “Presa del Brentella” a Limena). Non a caso, quindi, tutto l’ambito interessato  ricade nel sito della Rete Natura 2000 SIC (Sito di Interesse Comunitario) e ZPS (Zone di Protezione Speciale).
Il percorso corre sulle sommità arginali lungo la riva sinistra del Brenta da Padova a Limena, per poi passare nelle aree golenali della riva destra tra Piazzola sul Brenta e Carmignano di Brenta. Attualmente il tracciato lungo il percorso arginale è già fruibile, ma verrà reso conforme agli standard delle piste ciclabili europee. I lavori saranno invece più radicali nelle aree golenali dove il tracciato non è definito.  
Poiché alcune zone golenali sono impraticabili, è necessario prevedere anche dei tratti di collegamento lungo la via ordinaria per garantire la continuità del percorso. In particolari stagioni, però, verrà data la possibilità di percorrere le varianti più belle. Inoltre, per la sicurezza dei ciclisti tutti gli incroci del percorso con la viabilità ordinaria saranno regolati da impianti segnaletici. In coincidenza di attraversamenti con strade provinciali ad alta percorrenza sono previsti infatti impianti semaforici a chiamata. Infine, ci saranno segnaletiche specifiche di avvertimento nelle zone golenali con l’inserimento di sbarre per evitare ingressi lungo il percorso in caso di piena del fiume.

 

(Provincia di Padova. Leggi tutto cliccando qui)

Please follow and like us:

Be the first to comment on "Al via i lavori per la pista ciclabile lungo il fiume Brenta"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


cinque × due =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.