Imprenditori oggetto di mobbing e persecuzione vittime di un rilievo di dubbia fondatezza

Trento, tutto inizia da un normale controllo da parte della Gdf ad un concessionario di autovetture, era il 21 novembre del 2006: da questa data, questi onesti imprenditori diventano oggetto di mobbing e persecuzione: incastrati tra i premi di produttiva promessi ai dirigenti locali di Equitalia.

Una di quelle notizie sensazionalistiche, squisitamente propagandistiche: scoperti evasori milionari. Cio che non si dice è che si tratta di "ipotesi di reato".

Dal verbale: "nel corso delle attività ispettive veniva rilevato che, l'impresa, poneva in essere numerose operazioni commerciali con paesi europei, soprattutto Germania di compravendita di autovetture nuove e usate. Non importate direttamente dall'impresa ma da soggetti residenti in Italia. Tutto in totale evasione ai fini Iva". Non da parte dell'impresa che ha regolarmente versato l'Iva, ma dagli importatori.

Fonte: Imprenditori oggetto di mobbing e persecuzione vittime di un rilievo di dubbia fondatezza

Be the first to comment on "Imprenditori oggetto di mobbing e persecuzione vittime di un rilievo di dubbia fondatezza"

Leave a comment

Your email address will not be published.


* Questa casella GDPR è richiesta

*

Accetto

*


undici + 16 =

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.